Cos’è il Coaching Umanistico

‘Il segreto per andare avanti è iniziare’

Mark Twain

Il Coaching Umanistico è un metodo di sviluppo  delle potenzialità delle persone, dei gruppi e delle organizzazioni caratterizzato da:

  • una relazione di fiducia volta a stabilire una collaborazione ed un patto di lavoro tra il coach e il/i coachee;
  • la definizione chiara e concreta della situazione attuale e del futuro desiderato della persona, della famiglia, dell’organizzazione: non si focalizza sul passato;
  • l’individuazione, l’allenamento e l’utilizzo delle potenzialità della persona o del gruppo;
  • un percorso di crescita nella consapevolezza, nella responsabilità e nell’auto-efficacia che trasforma una richiesta di cambiamento o di miglioramento, in obiettivi concreti, misurabili, realmente attuabili;
  • la realizzazione di un piano d’azione finalizzato al raggiungimento degli obiettivi definiti dal cliente;
  • il monitoraggio dei risultati attraverso fasi di report e di restituzione di feedback;
  • la possibilità di scoprire le proprie strategie di fronteggiamento della situazione di crisi, non quelle ‘buone per gli altri’;
  • l’esperienza del coachee che è importante per sperimentare strategie nuove di realizzazione dei propri desideri o di mettere in atto il cambiamento.

Gli ambiti di applicazione del coaching

Il CFO intende promuovere lo sviluppo del coaching nell’ambito del lavoro con la famiglie e i ragazzi e più in generale all’interno delle organizzazioni pubbliche e private che si occupano di welfare verso un cambiamento culturale che metta al centro le risorse e le potenzialità delle persone e dei gruppi: un approccio per affrontare il cambiamento in maniera costruttiva, apprendendo dall’esperienza.

Facciamo chiarezza: le domande più frequenti

Qual è la differenza tra il coaching e il counseling o la psicoterapia?

Il Coaching non cura patologie e non si occupa di situazioni di rilevanza sanitaria. Si concetra sul presente e sul futuro. E’ un metodo concreto che attraverso un percorso di scoperta di ciò che si desidera arriva a definire azioni da mettere in atto in un tempo stabilito con la persona o la famiglia.Non crea dipendenza. Al contrario accompagna la persone a essere indipendenti e apprendere un modo di fronteggiamento delle crisi a cui attingere in futuro.

Chi è il coach?

Il Coach è il professionista dei risultati che raggiunge insieme alle persone in un impegno reciproco. Sono le persone che raggiungono i risultati accompagnati dal coach in un percorso concreto di analisi delle potenzialità, dei desideri, degli ostacoli e dei facilitatori per il raggiungimento degli obiettivi di vita che ognuno ha. Il Coach deve affrontare una formazione specifica. Io mi sono formata persso la scuola Incoaching. Da 12 anni lavoro con le famiglie, ragazzi adolescenti e genitori che vivono situazioni di crisi sia in Enti Pubblici e Privati sia come libera professionista. Il coaching mi ha permesso di focalizzare il mio lavoro con le famiglie e le persone concentrandoci sulle risorse, invece che sul problema, e offrire un metodo concreto che unisce il fare al pensare.

Il Coach rispetta la mia privacy?

Io faccio riferimento al Codice Etico dell’Associazione Italiana Coach Professionisti e al Codice Deontologico dell’Albo Professionale a cui sono iscritta come professionista assistente sociale. La privacy è fondamentale nel coaching.

Mi assicuri che raggiungerò gli obiettivi al 100%?

Nessun professionista serio può dare una garanzia di questo tipo. Il percorso di coaching dipende sia dal coach che garantisce la qualità del metodo sia dalla persona o dalla famiglia che mette in gioco la propria responsabilità nel raggiungere i risultati che desidera. Come Coach io ti assicuro la mia professionalità sviluppata in 12 anni con genitori, adolescenti, bambini e famiglie. Ti garantisco la mia disponibilità e presenza.

Quanto dura un percorso di Coaching?

Proprio perchè si differenzia da altri interventi, il coaching non può durare anni. Io propongo una prima sessioen esplorativa che ha lo scopo di valutare la domanda della persona o della famiglia o della coppia. Spiego il metodo e propongo paccheti di 5 sessioni – incontri – che possono essere settimanali all’inizio e poi la periodicità dipenderà dalle azioni da attivare per modificare la situazione. Dopo la 5° sessione si valuterà con i clienti il punto in cui ci si trova rispetto agli obiettivi definiti e si concorda se è opportuno continuare con altre sessioni o concludere l’intervento.

Annunci

2 thoughts on “Cos’è il Coaching Umanistico

  1. Pingback: L’Acchiappasogni: dai DEVO ai VOGLIO | Elena Giudice

  2. Pingback: Dai buoni propositi agli obiettivi di successo | Elena Giudice

I commenti sono chiusi.