Cosa fa un assistentesocialeprivato? Un esempio del mio lavoro

Inizial la rubrica #vitadassistentesocialeprivato

Molti mi contattato per chiedermi cosa fa un assistente sociale privato. Oggi, primo maggio, attendevo in studio un cliente con cui lavoro da qualche tempo e mi è venuto in mente di farvi un esempio di ciò che faccio concretamente. ECCO UN ESEMPIO DEL MIO LAVORO!

 

 

AssistenteSocialePrivato è a favore della condivisione di contenuti di qualità. Da noi niente SPAM!

Annunci

Vlog: 2 houses per genitori separati

Già a maggio 2016 avevo scritto un post per presentare un’app che facilita la BIGENITORIALITÀ appena arrivata in Italia molto utile per i genitori separati: 2HOUSES

2HOUSES è appunto un APP di facile utilizzo che consente l’organizzazione condivisa di diverse aree della vita famigliare per chi è separato e ha figli. Dal calendario delle attività alle questioni economiche. Io l’ho consigliata a diversi genitori con i quali ho lavorato e mi sembra che possa essere anche molto utile per diminuire la conflittualità genitoriale scatenata e fomentata anche da una difficoltà di organizzazione e di comunicazione semplice. Il professionista potrebbe iniltre avere una facilità do verifica facendosi indicare dai genitori come membro.

Questa volta ho chiesto ad Alfonso Negri di raccontarci 2HOUSES e che per chi segue il Vlog di AssistenteSocialePrivato mette a disposizione un codice promozionale di 6 mesi (6MESIPRO) per poterlo sperimentare e verificarne l’utilità in modo da decidere se può essere funzionale proporlo ai propri utenti o clienti.

P.S. questo non è un post promozionale e AssistenteSocialePrivato non ha alcun accordo economico con 2HOUSES. Il post ha un valore informativo in quanto ritenuta uno strumento molto valido anche per i professionisti che lavorano con le famiglie separate.

VBLOG: COORDINAZIONE GENITORIALE E ADR

Benventuti ad una nuova puntata del VideoBlog di #AssistenteSocialePrivato. È l’ultima puntata riguardante l’ampio tema del lavoro con la conflittualità genitoriale. Nella prima puntata vi ho accompagnato a riflettere sul significato della bi-genitorialità e della resposansabilità genitoriale. Nella seconda puntata vi ho parlato dei comportamenti alienanti. Oggi vi illustro brevemente il metood ella coordinazione genitoriale, metodo di contenimento del danno da alto conflitto genitoriale, facendo una differenziazione con il metodo della mediazione famigliare e della pratica collaborativa che si caratterizzano come metodi di Alternative Dispute Resolution – metodi di composizione alternativa dei conflitti – che hanno come scopo di prevenire il conflitto od evitare che questo si cristallizzi. Sotto al video trovate un breve testo riassuntivo dei temi trattati nel video.

Le ADR – Alternative Dispute Resolution – ovvero i metodi di composizione altrenativa dei conflitti nascono alla fine degli anni ’70 negli Stati Uniti. L’applicazione di questi metodi insegna che è importante attenersi più che alle procedure dei metodi ai principi e al senso che li hanno generati.

In Italia per diversi anni è stata prevalentemente utilizzata la mediazione soprattutto in ambito famigliare. Negli ultimi anni si è iniziato anche a conoscere la Pratica Collaborativa. Continua a leggere

VIDEOBLOG: BIGENITORIALITÀ E RESPONSABILITÀ GENITORIALE

Il #VBLOG del lunedì di #AssistenteSocialePrivato oggi è disponibile con video e testo scritto (sotto al video). Su Facebook, Google+ disponibile anche l’audio. A breve sarà audio anche sul VBLOG per ascoltarlo dove vuoi!

Negli ultimi tempi mi è capitato sempre più spesso di leggere articoli di giornali o di blog sul tema della bi-genitorialità, della sindrome di alienazione genitoriale, dell’affidamento dei figli minorenni che, secondo me, disinformano perchè portano una visione parziale della situazione quando non una voluta e distorta visione della realtà. Temi complessi come questi andrebbero affrontati con attenzione, con cognizione di causa e, soprattutto, con professionalità portando dati di fatto, statistiche, norme giuridiche non opinione come se fossero l’unica verità. Continua a leggere